Il Giovedì Santo…


Che cosa bella! Credo che vivere il triduo nei luoghi dove Gesù ha vissuto la sua Pasqua sia una delle più belle cose che ti possa capitare nella vita….Una giornata intensa quella di oggi…iniziata con la sveglia alle 6.00, trasferimento in Patriarcato dove i frati francescani vengono a prendere il Patriarca e poi tutti in processione attraversando le stradine di Gerusalemme per fare l’ingresso ufficiale al Santo Sepolcro. Oggi abbiamo celebrato la Messa Crismale con il rinnovo delle promesse sacerdotali….è stato bello ridire quel SI detto 9 anni fà, ridire il tuo SI al Signore che ti continua a domandare di donare la tua vita, ridire il tuo SI nonostante tante volte non è facile abbandonarsi di fronte a tutto quello che vivi e che vedi…Nel pomeriggio rientro al Santo Sepolcro per meditare con salmi e Vangelo (la grande preghiera sacerdotale di Gesù…bellissima…Vi do un comandamento nuovo:che vi amiate gli uni gli altri.Come io ho amato voi,così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri». Pensate poter riuscire a vivere solo questa parole che Gesù ci ha ridonato oggi….quante cose cambierebbero!!!). Altre 3 orette ma questa volta ce le siamo godute perchè la Basilica era chiusa ed eravamo solo noi del seminario con il Vescovo William ed alcuni francescani…è stato un momento molto bello in cui non puoi fare altro che ringraziare Dio per tutto quello che ti ha donato…ed oggi io avevo in modo particolare da ringraziare per il dono del Sacerdozio…ho pregato per i  miei confratelli, soprattutto quelli palestinesi perchè il Signore li aiuti a portare questa pesante croce che gli hanno caricato sulle spalle. Ci sono cose oggettivamente non giuste e per le quali anche loro come Geremia cantano le loro Lamentazioni…nel cuore anche questa mattina provavo la stessa amarezza mentre alcuni parroci mi esternava le loro di lamentazioni…ma a voce ho cercato di aiutarli ad accettare, ad abbandonarsi, a non giudicare….non è facile ma almeno ce lo ridiciamo e ci  preghiamo!!!!
Mi veniva da ri-pensare alla mia vita un pò “borghese”…(non perchè sono del Borgo)…la mia vita “comoda” di prete in Italia…che differenza che stò vivendo e devo ringraziare Dio per questa possibilità di vivere il mio ministero in questo modo…( tra l’altro oggi ho incontrato Padre Flavio Roberto Carraro…mio Vescovo a Sansepolcro quando sono entrato in seminario…ed ho detto grazie anche a lui perchè se non fosse stato per lui oggi non sarei a Gerusalemme…è una bella storia che diversi sanno ma che è da raccontare a voce…Torniamo al Padre Flavio : lui mi ha sorriso e mi ha detto che dovevo ringraziare Gesù…ma poi ha aggiunto : ma Gesù però si serve volentieri del nostro aiuto…e mentre mi salutava ha aggiunto : continua anche tu a dargli uno mano!!! )
Torniamo ad abuna Mario : Questa esperienza mi sta facendo crescere molto e sta crescendo soprattutto la mia fede…paradossalmente proprio nel momento in cui è più provata…!!!
Dopo cena altro momento “straordinario” : sosta al Gallicantu, dove Pietro rinnega Gesù e luogo carico di suggestione…la grotta prigione, la scala che attraversava la vecchia città e che scendeva al Cedron…era l’ora di ripartire ma ho voluto risalire da solo la vecchia strada romana…le antiche pietre sembrava che parlassero e rimandassero al mio cuore le sensazione provate da Gesù in quei momenti, proprio in quegli istanti che lo vedevano scendere per andare a pregare al Getsemani e poi risalire dopo essere arrestato e poi riscendere solo ed abbandonato e soprattutto rinnegato dal suo amico Pietro…( mentre vi sto scrivendo del Gallicantu….sta cantando un gallo sotto le finestre delle suore comboniane a Gerusalemme dove siamo a dormire per questa Pasqua…l’ora è davvero insolita…è mezzanotte e dieci minuti…che sobbalzo nel mio cuore…mi sono sentito interrogato come Pietro….SI lo conosco e gli voglio anche bene é la prima risposta che mi è uscita dal cuore!!!)

E qui mi fermo perchè certe cose non si possono più descrivere, non bastano le parole…ma prima di andare a dormire non potevo non fermarmi al Getsemani…invaso da migliaia e migliaia di fedeli ed in quella confusione ecco un angolo di passione…gli ulivi illuminati mi hanno lasciato vedere Gesù a terra che sudava sangue…ho visto una umanità ferita che sudava sangue da tutte le parti…è quella umanità che questa sera Gesù mi ha chiesto di riabbracciare insieme a lui, mi ha chiesto di vegliare con essa e su di essa…ed ecco l’ultimo SI della giornata. Difronte alla volontà del Padre Gesù si abbandona totalmente...”non la mia volontà ma la Tua !“. Io ho ridetto il mio SI ma nello stesso tempo ho ri-chiesto il suo aiuto…e devo dire che in questi ultimi anni da quando ho lasciato entrare Gesù nella mia storia ho potuto toccare con mano le meraviglie di grazia che lui ha compiuto…mi sento allora di invitarvi a fare lo stesso : ABBANDONARSI a DIO è l’unica strada che abbiamo per essere veramente felici…non ce ne sono altre…anche se la felicità passa per forza da sotto questi splendidi ulivi che vorrei provare a condividere con voi!!!  Non è possibile rendere quello che ho vissuto…ma chi c’è stato forse può intuire…..a presto !!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il Giovedì Santo…

  1. Valentina ha detto:

    Grazie amico mio, grazie per aver condiviso come in un unica grande famiglia, come tra “veri”discepoli la tua magnifica esperienza!
    Leggevo le tue parole, rapita come sempre dal tuo entusiasmo e l’amore per quei luoghi si riaccendeva come un fuoco appena sopito dalla cenere dei ns quotidiani problemi! Leggevo e ti vedevo scendere e salire le scale come feci nel mio primo viaggio pregando, ti vedevo restare lì in disparte nell’orto degli ulivi e ripensavo al ns momento di deserto di anno scorso…ogni tuo passo era limpido nella mia mente, così da essere più vicini nella condivisione…Grazie!
    Anche per me e credo per ognuno di noi che, con la tua guida, ha visitato le terre attraversate dal buon Gesù la Pasqua e l’inizio del Triduo ha un significato maggiore perché ciò che viene letto nei Vangeli ora c’è più vicino che mai, ora se chiudo gli occhi ed ascolto il parroco riesco a vedere i luoghi e sentire una forte emozione…grazie Gesù!
    Concludo e ti saluto ringraziando Gesù per la tua missione per lo Spirito che ti guida e ti sostiene nel non scoraggiarti quando intorno a te la realtà ti consiglierebbe di farlo, ringrazio Gesù perché sei nella mia vita e con il tuo esempio la tua passione nel fare aiuti la mia fiamma d’Amore per Lui a non spegnersi….grazie Gesù per Amarci così tanto!
    A presto mio caro Abuna!

  2. nadia ha detto:

    Grazie Don Mario per quanto scrivi , per farci partecipi di questi giorni che stai vivendo con un amore ed un entusiasmo commoventi; in questi giorni durante la lettura dei Vangeli la mia mente vaga e rivede quei luoghi vissuti da Gesù con più intensità perchè li ho visti di recente, inizio Quaresima, e me li porto dentro al cuore con un amore diverso,
    lì ho sentito durante i nostri cammini alitare il soffio della vita di Gesù, è stata per me una Presenza costante durante tutto il pellegrinaggio, e perdura ancora insistentemente nella mia vita di tutti i giorni. Che bello !!!!!!!!!!!!
    Grazie ancora Don Mario e grazie a Gesù di averci fatto incontrare.

  3. giuliana ha detto:

    Grazie caro Mario per questa tua condivisione. Per tutta la Quaresima ho rivissuto i luoghi visitati insieme negli ultimi due pellegrinaggi. Posso solo immaginare la tua gioia nel vivere il triduo pasquale in Terra Santa, chissà se mi capiterà mai di poterlo vivere.. Ma non importa è già Grazia quello che vivo con un stato d’animo toccato dall’Amore di Dio. Il Signore con te ha fatto cose grandi e il tuo Si rinnovato ne è la testimonianza. Riesci a farci vedere con occhi e cuore nuovi quello che vivi in mezzo al tuo popolo che è diventato anche nostro.
    Grazie anche per la bellissima foto. Racchiude nel tuo sguardo tutto quello che hai nel cuore e che hai scritto nel post. 🙂 Buon proseguimento del triduo dalla tua postazione privilegiata e a presto rileggerti. Un abbraccio in Cristo, fratello Mario!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...