Io non potrò votare…VOTA TU PER ME !!!

Perché è democrazia. Quella vera. Quella che lo dice la parola stessa. Il popolo è sovrano e il popolo decide. Perché la democrazia è un bene comune e non può essere privatizzato. Si può imbottigliare con etichette colorate ma resta sempre democrazia. Anche leggermente frizzante quando scende nelle strade e grida “se non ora quando?”. Ci sono le etichette dei partiti e le mille marche della partecipazione. Ma guai a mettere i rubinetti della democrazia in mano a chi ci deve guadagnare. Guai a dare l’esclusiva delle condutture della democrazia a una holding. Sarebbe furto di sovranità. La democrazia deve scorrere libera per tutti ed essere sì controllata, ma dai cittadini. Per questo vado a votare. Perché ho sete.

Nella logica delle cose, se ci sono dei referendum e ci sono i relativi comitati che si sono impegnati a raccogliere le firme e a promuoverne le ragioni, sono essi i più titolati a sostenerne le ragioni pubblicamente. È davvero curioso in questi giorni assistere a programmi che da Ballarò ad Anno Zero, dai tiggì a Linea Notte del TG3, danno la parola esclusivamente ai rappresentanti dei partiti. Un segno francamente inquietante che rivela come funziona l’informazione in Italia e quale considerazione ricevono gli strumenti della democrazia. Sarebbe come invitare un agronomo a parlare delle relazioni diplomatiche del nostro Paese con la Birmania e un filosofo della morale a giudicare la ricetta dei ravioli in brodo di carne. C’è la volontà di boicottare l’appuntamento di domenica con la democrazia oppure la convinzione che solo i rappresentanti più autorevoli delle forze politiche conoscono tutti i temi e ne possono trattare? Una par condicio di facciata che, per essere davvero corretta dovrebbe aprire i microfoni ai comitati del Si e del No e invece lascia che bisticcino negli studi televisivi personaggi che devono giustificare le proprie posizioni del presente e del passato in materia di privatizzazione dell’acqua, di nucleare e di uguaglianza davanti alla legge. Anche per queste ragioni io domenica vado a votare.

Non si tratta solamente di disinnescare la miccia della privatizzazione dell’acqua, di scongiurare l’installazione di centrali nucleari con scorie e radiazioni e di non consentire alcuna eccezione al principio di uguaglianza davanti alla legge. Con i referendum di domenica prossima sono in ballo un altro modello di sviluppo, un altro modo di concepire la politica e l’affermazione del bene della persona umana al di sopra di ogni altro interesse. Economia, democrazia, sviluppo non sono parole neutrali e possono essere declinate in mille modi diversi. Nell’urna del 12 e 13 giugno abbiamo l’occasione di poter infilare una scheda che dica in quale democrazia crediamo, quale sviluppo vogliamo e se l’economia deve essere a servizio dell’uomo o l’uomo è condannato a prostrarsi al dio denaro. Una sfida e una scommessa più grande di una votazione. Grande come la speranza che la gente possa cominciare davvero a prendere in mano il proprio destino e a decidere le regole per costruire il proprio futuro e quello delle prossime generazioni. Per queste ragioni vado a votare.

Per riconciliarmi con l’acqua e con l’aria e con la libertà e con tutti i beni senza padrone. Perché potere è sostantivo ma è anche verbo. Perché non voglio lasciare in eredità scorie e radiazioni ma una speranza nuova. Un altro modo di vivere e di amare la terra, il mare, le nuvole e le montagne. Perché domenica reciteremo il salmo che dice “Perché voi, montagne, saltellate come arieti e voi, colline, come agnelli di un gregge?”. E finalmente capiremo la natura che prende parte alla festa degli uomini. O gli uomini che partecipano alla festa del creato. Domenica non ci saranno consorterie sedute negli scranni a votare seguendo gli ordini di scuderia, né “pianisti” a votare clandestini per il proprio vicino. Domenica si contano gli italiani. Contano gli italiani. Per abolire la furbizia elevata a sistema e il privilegio ostentato come conquista. Per dire nell’urna e nelle strade che bene comune è molto più che servizio pubblico e che non possono esserci ricavi, utili e profitti sulla sete. Per fermare le idromafie e riscattare la dignità d’essere cittadini e non sudditi. PER TUTTO QUESTO DOBBIAMO ANDARE A VOTARE!

Tratto da “Mosaico dei Giorni” ,  una rubrica di Mosaico di pace – rivista mensile promossa da Pax Christi e fondata da don Tonino Bello.

Questa riflessione da voce anche al mio pensiero…ed allora non potendo fisicamente votare vi chiedo di farlo anche per me!

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Io non potrò votare…VOTA TU PER ME !!!

  1. Gerardo ha detto:

    Ciao Abuna Mario,
    domani mattina, subito dopo la Santa Messa, io e Renata andremo a votare 4 Sì per abrogare quelle leggi che vogliono imporre scelte disastrose (Nucleare), privilegiare i potenti (il-legittimo impedimento) e gettare le basi per far guadagnare i soliti noti a scapito di tutti (acqua). Lo faremo anche pensando a te che purtroppo non potrai farlo. Un grazie per quello che hai saputo realizzare per i bambini di Betlemme.

    Gerardo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...