Ho qualche dubbio…

Con il quale mi appresto a rientrare ALDILA’ del muro. Mi attenderà un clima caldo ? In effetti il clima si sta surriscaldando, giorno dopo giorno, in modo molto pericoloso per tutti. Morti da una parte e dall’altra che gridano vendetta contro chi ha deciso questo ulteriore spargimento di sangue. In tanti hanno pensato che questa escalation in questo momento non è un caso. Pensando a quello che dovrebbe succedere a settembre, con i Palestinesi che vorrebbero presentarsi all’Onu per il riconoscimento del loro stato, qualche dubbio in effetti può legittimamente venire.
Qualche dubbio…quanti dubbi ti nascono nel cuore soprattutto quando vedi con i tuoi occhi certe cose e non puoi più credere a quello che leggi nei giornali e vedi nelle televisioni. In questi giorni ho conosciuto una persona splendida : Carlo. Si è definito un tipo curioso e con diversi dubbi…mi ha fatto molte domande ma sapeva già le risposte anche se non era mai stato in Israele e Palestina. Mi ha fatto tanto bene incontrare questo personaggio!!! Sarebbe bello che ci fossero tante altre persone come Carlo, curiose di capire e capaci di dubitare di quello che quotidianamente tentano di farci credere…
Curiosità e dubbi…sono quelli che mi portano a profetizzare su quello che succederà a settembre : l’America ha già detto ad Abu Mazen che, se si presenta all’ONU per domandare il riconoscimento dello stato Palestinese, metterà il veto e bloccherà tutti gli aiuti…e se succedesse il blocco degli aiuti si scatenerà una discreta  confusione….d’altra parte Abu Mazen non può non presentarsi perchè si scatenerebbe altrettanta confusione ed allora come andrà…andrà malino!!! Ed allora godiamoci questi “caldi” giorni di agosto perchè per quelli di settembre ho qualche dubbio : potrebbero essere “roventi”!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Ho qualche dubbio…

  1. mauro banchini ha detto:

    Grazie per queste tue parole.

  2. Walter Fiocchi ha detto:

    Ma poi… i Palestinesi lo vogliono davvero il riconoscimento di uno Stato che sanzionerebbe lo stus quo, cioè uno Stato con l’11 per cento del territorio della Palestina storica e una serie di città e paesi – campi di concentramento? O l’ipotesi di un solo Stato (Israele) con una popolazione palestinese che in pochi anni potrebbe diventare maggioranza? E il destino dei circa 5 milioni di profughi che per Israele non esistono, dato che sono andati volontariamente in vacanza all’estero nel 1948 e nel 1967? Li si abbandona al loro destino? Resta solo la pulizia etnica dei Palestinesi, non solo per Gaza, dove è già in atto, ma anche per tutta la Cisgiordania…

  3. luigi ha detto:

    “Nutro fiducia” diceva un presidente del consiglio italiano… e la storia giustamente ne ha sancito l’inconsistenza e l’illusione.
    Nutrire dubbi, invece, paradossalmente è più positivo, se non altro perché maggiore appare l’orizzonte del possibile.
    Comunque, il riconoscimento di uno Stato palestinese, sia pure minoritario e sotto scacco, mi pare una “forzatura” obbligata, e una possibile finestra sul futuro…

  4. Gerardo ha detto:

    I giorni, purtroppo, sono già diventqti bollenti per non dire torridi!

  5. Giovanni ha detto:

    Caro Mario
    da poco più di un’ora ci siamo lasciati alle spalle un luogo di piaceri del palato per tornare nella più triste delle realtà. Sono le certezze che ci devono far paura, i dubbi sono alimento per la nostra anima e la nostra mente. Io non ho mai studiato nè letto Socrate. Parlando con un amico gli confidavo che mi erano occorsi più di 65 anni per capire che non avevo capito niente o quasi. Quando mi ha rivelato che questo pensiero era più o meno anche quello di Socrate mi sono sentito in splendida compagnia. Ora i tuoi dubbi, i nostri dubbi, rivelano il nostro desiderio di capire le cose e non subirle come il pensiero corrente cerca di farci credere per mezzo di stampa e TV e allora ti dico che il pensiero del filosofo che è arrivato a noi durarà molto di più delle certezze di questi mezzi uomini.
    “quando mi incamminai per la strada della verità, ad ogni passo trovai un bivio ed ogni bivio alimentava i miei dubbi ma sentivo dentro di me che ogni dubbio mi avvicinava alla verità…. ma non ho mai potuto immaginare quanto ancora sarà lungo il mio cammino.”
    Confidiamo allora nel progetto Divino che al termine del nostro cammino avrà risolto i nostri dubbi, forse, ma non ci potrà concedere alcuna certezza se non quella di affidarsi alla Sua volontà. Abbraccia per me gli amici Palestinesi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...