L’INTIFADA cristiana…

E’ quella che si svolge ogni venerdi’. Da otto anni alle h.18.00 sotto il muro del Check point di Betlemme con il Rosario e da un anno alle h. 17.00 sotto gli ulivi di Cremisan con la Celebrazione Eucaristica. E’ il modo che abbiamo escogitato per resistere alla prepotenza dell’Occupazione ed alla violenza del muro di divisione. Oggi e’ successo qualcosa di straordinario :  non e’ venerdi’ ma dato che alle 16.00 e’ iniziato il Campo Estivo della Pastorale Giovanile della Diocesi di Gerusalemme che quest’anno vede la partecipazione di 27 ragazzi italiani della diocesi di Reggio Emilia accompagnati da abuna Davide, abbiamo pensato che non c’era miglior cosa che partire con la preghiera e cosi’ due pulman di ragazzi da BetSahour si sono incamminati verso il check point.  Ad attenderci c’era suor Donatella e 50 ragazzi di Lecco (diocesi di Milano).  E’ stato molto bello vedere e sentire la preghiera di questa folla di giovani.  Le decine di Rosario si sono alternate in lingua italiana e araba e chissa’ cosa avra’ pensato il buon Dio di fronte alla preghiera di questi “piccoli”…prima o poi dovra’ cedere e donarci la pace e far cadere il muro !!!

Per molti dei ragazzi cristiani palestinesi era la prima volta che si avvicinavano cosi’ tanto al muro anzi, molti di loro non avevano mai visto il muro cosi’ vicino e soprattutto molti di loro non sono mai riusciti a superare questo muro e a visitare i luoghi santi di Gerusalemme.  Nei 5 giorni di campo scuola i ragazzi non potranno andare a pregare ne’ al Santo Sepolcro ne’ sul Monte degli Ulivi…incredibile ma vero!!! Vieni dall’Italia e puoi fare quello che vuoi…sei nato a Betlemme, a Taybeh, a Zababdeh e nei dintorni della Citta’ Santa e non puoi nemmeno entrarci… Non e’ facile accettarlo per i nostri ragazzi, non e’ facile trovare i motivi dato che i ragazzi cristiani non hanno mai messo in pericolo la sicurezza di Israele ed allora ??? Allora credo che si possa tranquillamente dire che non e’ giusto tutto questo !!!  Negare il diritto alla liberta’ religiosa va’ contro ogni logica ma in questa terra l’unica logica che vige e’ quella della sopraffazione e del piu’ forte..ma quanto potra’ durare tutto questo ???

Forse bisognerebbe ragionare su altre logiche e tentare di percorrere nuove strade ma per adesso la fine del tunnel sembra molto ma molto lontana ed allora non possiamo fare altro che resistere con la preghiera ed i segnali che forse e’ la strada giusta ci sono : la nostra preghiera fa’ paura!!!  Fa paura al punto tale che i soldati israeliani hanno chiuso il portone del muro al nostro passaggio. E’ stato interessante vedere le facce incredule dei ragazzi italiani presenti mentre guardavano il muro chiudersi ed e’ stato altrettanto interessante sentirli commentare questa chiusura…ma i commenti ve li lascio immaginare !

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’INTIFADA cristiana…

  1. eugenia laura baudinelli ha detto:

    I muri di sassi sono destinati a cadere… ricordate le bibliche mura di Gerico?
    ricordate il Muro di Berlino? e molti altri… tutti caduti.
    la nostra piccola e misera storia umana lo dimostra in modo lampante
    non dimentichiamo mai il muro del silenzio e della sistematica disinformazione perchè è il più insidioso e distrugge i cuori ma anche quello lo vedremo abbattutto, si cadrà… cadrà ….

  2. Pingback: Viaggio in Israele /5: l'intifada della preghiera

  3. zina ailib ha detto:

    io vi abbraccio e spero un giorno di essere con voi ….lì, proprio lì..<3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...