La Gaza che non ti aspetti…

Tanti di voi mi hanno detto che sono un pazzo…ma se venire a trovare il tuo amico abuna George, parroco della piccola comunita’ di Gaza e condividere un buon pranzetto con lui e le suore del Verbo Incarnato e quelle di Madre Teresa e quelle del Rosario…se celebrare la S.Messa con uomini e donne affaticati dalla situazione, con giovani che non vedono futuro davanti a loro…se ri-condividere una ottima cena sul lungomare guardando i bambini di Gaza che sono ancora a fare il bagno….se tutto questo vuol dire essere pazzo…allora avete ragione : sono completamente fuori di testa !!! Vi puo’ sembrare strano, ma di questo ne sono proprio felice, si sono felice di essere “fuori con la testa” perche’ ho deciso di essere “dentro con il cuore”…ed allora quello che ho passato oggi e’ un giorno di ordinaria follia di Amore. Ed allora l’Amore diventa condivisione, l’Amore diventa vicinanza, l’Amore si fa compassione, l’Amore diventa Comunione. Mi sento pazzo…si, ma pazzo di amore per Dio e per l’umanita’. E se incontri una umanita’ ferita a terra ed incapace di rialzarsi, a maggior ragione non puoi passare dall’altra parte ma sei costretto a chinarti su di lei e cercare di fare come il samaritano : prendersi cura !  E questo sia ben chiaro a tutti : qualunque umanita’ fosse!!!! E’ mezzanotte e le note di un canto popolare arabo risuonano nelle mie orecchie e nel mio cuore…e chiudendo gli occhi ri-vedo davanti a me lo splendido tramonto sul mare di Gaza di qualche ora prima…

Un mare che ti lascia sognare la liberta’ ma che pero’ non puoi attraversare oltre le 3 miglia. In lontananza le luci delle barche dei pescatori creano una un grande abbraccio ad una striscia di terra che sembra dimenticata da Dio ma che pero’ e’ abitata in ogni centimetro quadrato da uomini, donne e bambini….ed ecco  l’altra immagine particolare da Gaza : migliaia di bambini che fanno il bagno fino a buio inoltrato…ci sono famiglie intere sulla spiaggia di Gaza, donne con i loro veli e uomini con le loro cannottiere che distesi sulla sabbia sembrano non darsi cura delle migliaia di ragazzini a fare il bagno….al punto che a tavola qualcuno fara’ la battuta : “Tanto anche se ne perdono uno stanotte ne nascera’ altri 300…”. Battuta che testimonia pero’ una realta’ : Gaza esplode di vita!!!!   E non ci sara’ ne bombardamenti ne chiusure ne limitazioni ne motovedette ne muri che potranno contenere questa esplosione??? Ed allora che fare ??? Una risposta ce l’abbiamo : cambiare strategia e modo di dare risposte al conflitto perche’ tanto fino ad oggi quelle usate non hanno dato frutti particolari!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a La Gaza che non ti aspetti…

  1. enzo ha detto:

    leggendo tutto questo mi risuona la tua voce il tuo sorriso il tuo amore che traspare da ogni poro, di uomini come te ce ne vorrebbero tanti, che vivessoro anche tra noi per poter svegliare la voglia di combattere come Lui ci ha insegnati, nell’idea di un domani migliore.

  2. Pia ha detto:

    Grazie Mario!
    Un abbraccio
    pia

  3. paolo avagliano ha detto:

    E’ meraviglioso vedere l’entusiasmo che il SIGNORE mette nella tua vita attraverso l’amore che trasmetti a tutte le persone che incontri e in modo speciale ai bambini. Sei grande Mario, che DIO sia sempre con Te. un abbraccio di cuore il tuo amico Paolo.

  4. francesca cecchi ha detto:

    non commento, condivido…

  5. Chiara ha detto:

    caro abuna Mario!!! Sono Chiara di Pavia. Ci siamo incontrati parecchie volte con padre Michele Piccirillo per i lavori in Terra Santa. Lavoro come architetto insieme a Luigi Leoni. Ti ricordi di me? Ho scoperto ora il tuo blog tramite “La porta di Jaffa”. Spero di rivederti presto.
    Un grande abbraccio, Chiara

  6. Anna (casa del Clero) ha detto:

    ciao Abuna Mario, appena sono arrivata a casa ho riversato su mio marito la grazia di averti conosciuto e la gioia per lui che avrà la fortuna di incontrarti fra qualche giorno. Sentirti parlare cos+ con amore di quella Terra ,che sento come casa mia, mi ha dato davvero un senso di fratellanza e la sensazione di conoscerti da sempre.
    Questo è un grande dono…..
    Ti aspettiamo con affetto
    Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...